Circe e la magia della fragilità 

“Nacqui quando ancora non esisteva nome per ciò che ero”. Ho amato immediatamente questa prima frase che fa d’apertura al libro “Circe” di Madeline Miller e che sembra già trascinarci in una dimensione di incertezza in cui l’identità della protagonista si sbiadisce, si oscura dinnanzi alla luce abbagliante di chi abita il cielo e l’Olimpo.Continua a leggere “Circe e la magia della fragilità “