Il Pianeta compromesso

L’estate 2021 è la più calda degli ultimi due secoli.

Due secoli.

D U E S E C O L I

Parola di esperti e scienziati, mica dei laureati presso l’università della vita.

Ho questa personalissima visione dell’inferno: me lo immagino con questa temperatura bollente e un costante sottofondo di musica latino americana.

Sono stati 48,8 i gradi registrati, solo qualche giorno fa, a Siracusa in Sicilia. Per non parlare degli incendi che si sono sviluppati in molte regioni d’Italia. In Sardegna, Sicilia, Calabria, il fuoco ha bruciato ettari di terreni, hanno perso la vita persone e animali. La storia si è ripetuta in Europa, basti pensare alla Grecia e alla Tunisia, e anche dall’altra parte del mondo le cose non sono andate meglio, da giorni brucia il Montana sud-orientale, negli Stati Uniti, e solo l’anno scorso assistevamo al disastro Australiano.

Cosa sappiamo?

Che la politica ha fallito. Che nel 2021 non esiste ancora un piano sicurezza concreto, e già questo è imbarazzante. Sappiamo che spesso gli incendi sono di natura dolosa, per cui, come sempre, è una questione di umanità e intelligenza, due cose che abbiamo perso durante il corso della nostra “evoluzione”.

Il cambiamento climatico è reale, le gravi alterazioni ambientali, riconducibili alle attività umane, sono responsabili delle emissioni di gas serra e del conseguente innalzamento della temperatura globale. Forse non era il caso di prendere per il culo Greta Thunberg.

”Invece di preoccuparci del nostro futuro dovremmo pensare a cambiarlo, finché siamo in tempo”.

L’umanità si è messa in ginocchio da sola. Un pianeta compromesso, limita il benessere dell’uomo. “L’umanità rappresenta solo lo 0,01% di vita sulla Terra, ma ha già distrutto l’83% delle specie… in termini di biomasse, ecco le proporzioni degli organismi viventi sul pianeta: siamo circondati da piante e batteri, ma è l’uomo a comandare”.

Cosa possiamo impegnarci a fare per il nostro Pianeta?

  1. Ridurre il consumo di acqua;
  2. Non usare l’automobile per brevi tragitti;
  3. Non sprecare energia elettrica;
  4. Ridurre il consumo di carne e pesce;
  5. Fare la raccolta differenziata;
  6. Fare una “spesa intelligente”;
  7. Usare la carta riciclata;
  8. Prima di qualunque acquisto chiediti se hai davvero bisogno di quella cosa;
  9. Ottimizzare il riscaldamento;
  10. Scegliere cosmetici e detersivi ecologici;
  11. Compra consapevolmnte;
  12. Acquista di seconda mano;
  13. Informati su chi realizza i tuoi capi, prodotti, cibi preferiti;
  14. Riduci gli imballaggi;
  15. Opta per prodotti di bellezza non testati sugli animali;
  16. Prediligi prodotti ecosostenibili (oggi in commercio se ne trovano tantissimi);
  17. Sfidati: considera periodi di vita completamente plastic free;
  18. Riduci gli sprechi;
  19. Assicurati che la tua banca (si hai letto bene) non investa in combustibili fossili.
  20. Informati e informa.

Solo noi possiamo fare la differenza.

Carlotta Tomaselli

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...